Il piano di lavoro ideale

Resistente, impermeabile, pratico…quale piano è più giusto per te?
Prima di scegliere il materiale ideale per il proprio piano di lavoro, ci si dovrebbe chiedere quali sono le caratteristiche del materiale che ci torneranno più utili nel corso delle operazioni culinarie. Quindi la scelta del top può essere certamente una decisione presa su basi estetiche (è un elemento importante, che si deve armonizzare con le altre componenti dell’arredo cucina), ma non deve mai prescindere dalle nostre abitudini alimentari.

Acciaio
Un materiale elegante e moderno dal notevole impatto visivo e tecnologico, particolarmente forte e resistente. E’ possibile però che nell’uso quotidiano la superficie possa graffiarsi quindi si consiglia di non trascinare oggetti sul piano e non utilizzare pagliette metalliche. Per mantenerlo a lungo in buone condizioni si consiglia di utilizzare un detersivo neutro strofinando con una spugna di materiale sintetico nel verso della satinatura e asciugare con un panno morbido. Per le macchie più ostinate, invece, potete utilizzare aceto bianco caldo o alcool denaturato, risciacquando con abbondante acqua. Attenzione anche a non lasciarlo a lungo in contatto con sostanze ferrose, potrebbero causare ossidazioni e macchie di ruggine!

Granito e Marmo
Le pietre sono imbattibili per bellezza e lucentezza e per mantenerle nel tempo si consiglia di: fare attenzione ad urti causati da oggetti pesanti che potrebbero scalfirne superficie e bordi; evitare di lasciare prodotti per la pulizia, liquidi alimentari e soprattutto prodotti contenenti acido citrico e rimuovere quindi la macchia fresca; eliminare eccessi d’acqua e fare attenzione alle infiltrazioni; rinnovare periodicamente il trattamento impermeabilizzante; utilizzare detergenti neutri o specifici per le pietre.

Decoceramica
Sono piani pregiati realizzati con piastrelle in ceramica. Per questo tipo di piano è necessario porre particolare attenzione: alle piastrelle sagomate del bordo frontale perché più fragili agli urti e alle fughe per le quali è vivamente sconsigliato di usare macchine a vapore per pulirle.

In foto la cucina Tetrix di Scavolini

Vetro
Un materiale luminoso, duraturo e in grado di mantenere inalterata la sua bellezza negli anni. I suoi pregi? Il piano in vetro è resistente al calore più di altri materiali (con i dovuti accorgimenti!), si pulisce facilmente ed è igienico. E i suoi difetti? Se si scalfisce o si rompe può diventare tagliente.

Quarz/Okite
L’effetto è quello della pietra naturale, ha una buona resistenza ma attenzione a non appoggiarvi direttamente sopra pentole bollenti. Igienici e facili da pulire ma attenzione a non usare alcool perché potrebbe lasciare aloni, utilizzare prodotti specifici disponibili presso i nostri rivenditori.

Laminato
Forse è il piano più comune ed economico, si caratterizza per la sua durevolezza/resistenza e per la miriade di colorazioni e finiture diverse disponibili. Bisogna fare attenzione a non appoggiarvi oggetti caldi e badare alle eventuali infiltrazioni d’acqua nelle giunture, si pulisce facilmente con un panno morbido o spazzole morbide.

Fino a qui abbiamo fatto una carrellata di materiali disponibili per top ma vi consigliamo sempre di rivolgervi a un Rivenditore per approfondire pregi e difetti di ogni materiale!

Photo Credits: Scavolinihttps://www.scavolini.com/

CONSIGLI PER ARREDARE LA CUCINA

I am text block. Click edit button to change this text.

ELETTRODOMESTICI

I am text block. Click edit button to change this text.

PIANI LAVORO

I am text block. Click edit button to change this text.

Open chat
1
Salve!
Possiamo aiutarti?
Powered by