Come pulire la cappa della cucina

Vi siete accorti che la vostra cappa cucina non aspira più come un tempo? Questo è un chiaro segnale che è arrivata l’ora della sua pulizia. Il grasso e lo sporco che si accumulano all’interno della cappa possono generare cattivi odori in cucina: la pulizia della cappa e la sua manutenzione devono essere eseguite periodicamente per non rischiare che perda la sua efficienza.

Come pulire la cappa della cucina? La pulizia delle cappe va eseguita in tutti i suoi componenti, quindi sia esternamente che internamente, e comprende anche il ricambio dei filtri. Per lavare la parte esterna della cappa basta usare un panno morbido imbevuto di acqua calda saponata. Meglio evitare l’impiego di detergenti chimici troppo aggressivi, che non solo fanno male all’ambiente ma potrebbero anche contaminare gli alimenti, trovandosi la cappa a ridosso del piano cottura.

Per passare alla pulizia dell’interno della cappa, è necessario smontarne il coperchio e poi detergerlo insieme alle pareti, concentrandosi sugli angoli e le giunture.

Pulire la cappa della cucina non è immediato: la fase più delicata della pulizia della cappa cucina riguarda i filtri, perchè è al loro interno che si annida la maggior parte dello sporco. La tipologia, e conseguentemente la loro manutenzione, dipende dal materiale con cui sono fatti: possono essere sintetici, metallici o a carboni attivi.

Esempio di pulizia esterna della cappa.

I filtri della cappa in metallo sono realizzati con una struttura a nido d’ape e devono essere lavati almeno ogni 15 giorni, a mano oppure in lavastoviglie con un lavaggio leggero, mai superiore ai 50 °C. I filtri sintetici invece non possono essere lavati, quindi bisognerà cambiarli, così come i filtri ai carboni attivi, che svolgono un’importante azione anti-odore.

I filtri sintetici vanno cambiati circa ogni due mesi, mentre i filtri ai carboni attivi hanno una durata superiore, e possono essere sostituiti dopo quattro mesi.

Un ultimo consiglio? Per mantenere al meglio le potenzialità della vostra cappa cucina, accendetela poco prima di iniziare a cucinare, impostandola all’adeguata potenza, in modo che il flusso d’aria si stabilizzi. Una volta terminata la cottura, bisogna lasciarla ancora accesa per qualche minuto, fino a quando anche l’ultimo residuo di condensa non venga aspirato.

CONSIGLI PER ARREDARE LA CUCINA

I am text block. Click edit button to change this text.

ELETTRODOMESTICI

I am text block. Click edit button to change this text.

PIANI LAVORO

I am text block. Click edit button to change this text.

Open chat
1
Salve!
Possiamo aiutarti?
Powered by